.
Annunci online

delfi
l'amica di Paolo


cammei


8 settembre 2005

amelie e nino

delicata timidezza in gesto
fuorviante per chi passi distratto

e brillante tenacia nel dimostrare
che un mondo diverso, magari,
è possibile.


silenzio di comunicazione,
ma vicinanza negli intenti.





permalink | inviato da il 8/9/2005 alle 15:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa


29 agosto 2005

labbra preziose

piccoli passi,
su limpidi resti.


memoria postuma a guida
di gesti incauti.

sete malsana
di esistenza baciata
da grazia e brillante
movenza. e parole.

colori.
di dita veloci
e di acqua ferma.


frasi su bilance d'oro.
labbra della stessa materia.





permalink | inviato da il 29/8/2005 alle 18:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


3 maggio 2005

il signor AntiSporcelli

facile paragonare i disegni alla fiabe.

tentativi di accostarsi ad un mondo incantato
di fantasie e colori, di candore e speranza.
che il mondo sia preso con leggerezza
così come fa un buffo signore con barba e pancione.


apprezzare in silenzio.
poi con frasi scherzose.

giocare a incastrare parole,
a baciare le rime.

contare le sillabe,
creare rullanti passi di ritmi verbali.



lasciarsi trasportare
dalla trasparenza che uno sguardo sa dare
alla vita reale.

farsi spettatore di un mondo giocoso.

gioire di piccole invenzioni,
cullarsi nella poesia di immagini fresche.



sentirsi acqua nel mare o tra la pioggia,
erba fresca tra piedi che corrono
o pendenti di pupe bellissime.








e stringerLa forte con i pensieri




permalink | inviato da il 3/5/2005 alle 10:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa


29 marzo 2005

tenera è la notte

A volte mi capita.

Un profumo,
una voce,
una scena,

mi fa fermare coi pensieri a mezz’aria,
con le mani sospese e la mente leggera.

 

 

Succede.
Un rimando fulmineo
a qualcosa che ho letto,
ad un quadro che ho visto,
ad una foto che ho amato.

 

 

Adesso, qui.
Finalmente sento quel che mi aveva detto
qualcosa pensato da altri.
La sensazione inconscia di comunanza
si trasforma, realizza.
Si appianano distanze di anni,
culture, paesi.

A volte secoli.

 

 

Adesso.
Li vedo parlare e odoro
il profumo del giardino sul mare,
mentre lui si prepara col vestito di lino bianco
e lei, appoggiata alla porta,
lo aspetta per ballare sulla terra
scaldata dal sole.




permalink | inviato da il 29/3/2005 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa


23 marzo 2005

assomigliavi a Hemingway

Bevevi spesso. Forse fumavi.
Ridevi forte e il cinismo era l’arma con cui difendevi
le idee e soprattutto il tuo io.

Delicato fiore di albero cavo.
Rotto dal vento di una vita vissuta allo stremo.
Ogni ora come fossero due.

Facciamo tre,
che tanto nessuno può toglierti quel che hai passato.



Pensavo al tuo conformismo a regole estranee alla norma.

Mi intimorivi.
Specchiandomi nella tua lucidità, sorridevo
commiserando la mia inadeguatezza.

 

 

Ho detto che amavo le tue parole.


Ho pensato che mi saresti mancato.

 

 

Non ho mai cambiato idea.




permalink | inviato da il 23/3/2005 alle 16:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
isolamenti
arcipelaghi
iceberg
cammei
bradipismo

VAI A VEDERE

bimbillo
tirtiesse oblige
bianco, nero..e giallo
mammamela
+OL+
...piccola e nera?
napolino ha traslocato
ma si occupava anche di
serenità ovvero maalox
il Signor AntiSporcelli
ma non dovevamo...
un luogo sconosciuto
colpito ma non affondato
ha rossetti speciali
ai confini del mondo
gigi
in fuga
enciblogedia
'o vesuvio
il dono della parola
una tantum
lui c'è (a fasi alterne)
come quella dell'orizzonte
un guascone marinaio
con due veneri accanto
la strega margherita
manicomio per due
una o fatta a zero
corsivi d'amore
binari
ce l'ha bello
dalla a alla v
aspetto qui
non è svedese
mani calde
occhi grandi, bel sorriso
è il suo nome
rimar cortese
su un tappeto volante
parole come perle
mister
arditi ottoni
anche amph ha traslocato

burma
l'arte in pubblicità
obiettivamente
visioni veneziane
luc(ciol)e


CERCA